INTERVISTA A DANIELE INVERARDI

Pubblicato il Pubblicato in Interviste

Oggi a Bodyweight Arena ho l’onore e il piacere di intervistare uno degli atleti più simpatici e forti nel panorama italiano. Atleta nazionale ed internazionale, ha partecipato a gare sia in Italia che all’estero conseguendo ottimi risultati!
Signore e signori, Daniele Inverardi!
Colgo subito l’occasione per ringraziare Daniele per la disponibilità e l’estrema gentilezza nel rilasciare questa intervista. Pronti? Partiamo. 


 

1. Ciao Daniele e benvenuto su bodyweight arena. Descrivici il tuo cammino Calistenico, come hai iniziato e cosa ti ha motivato e ti motiva ad allenarti?

 Ciao! be, il mio cammino calistenico é nato quasi per caso. persi il lavoro e non avevo disponibilità economiche per frequentare una palestra, quindi iniziai a cercare metodi “alternativi” per allenarmi e stare in forma, sul web scoprii un certo hannibal for king e mi appassionai. Dopo qualche mese conobbi la comunità italiana e capii che non volevo solo allenarmi ma volevo diventare forte..anzi lo voglio ancora…

2. Sei un atleta che partecipa a diverse gare. Ti va di raccontarci come cambia la preparazione di un atleta con delle gare in vista?

 


Le gare sono una manna e un tormento,una manna perchè ti divertono e danno la possibilità di mostrare ciò che sai fare, un tormento perchè non puoi allenare movimenti  nuovi  durante  la preparazione, non puoi fare l allenamentoaccazzum quando ti va(parola latina che significa oggimiallenocomeca**omiva) bisogna ripetere routine  filmarsi  e riguardarsi, guardare i propri video non da atleta, ma da giudice, dire “io questo set lo valuterei cosi, o cosi”  insomma  un odio – amore.

3. Sei un front lever monster, ti va di condividere qualche consiglio per ottener una skill così ambita e per potenziarla? Non solo per principianti, ma anche per gli avanzati!

haha grazie per frontlever monster(moster perche sono brutto eh) scherzi a parte, molta gente mi contatta sottovalutando la preparazione del front, si sa che in italia si predilige  molto  la spinta ma in front esiste la stessa cura maniacale dei dettagli se si vuole la figura, tanti mi contattano dicendo “dani ho 30secondi di straddle front come faccio a  prendere full front?” poi guardi il video e ci sono errori gravi che si sottovalutano che portano a rovinare o non apprendere mai la forma finale. io consiglio  sempre un adv tuck corretto, imparare  a giocare con il bacino e poi iniziare con le pullate controllate (tutto in adv)  da li andare agli step  successivi.

4. Quale è stata la tua più bella esperienza Calistenica e perchè?

 

Stoccarda alla world cup, mi ha davvero emozionato e divertito, tantissimo pubblico (sono un tipo timidissimo ma quando vedo che il pubblico é tanto mi gaso come un pazzo) ero in forma e ho conosciuto per la prima volta un altra mentalità calisthenica che mi ha aperto una nuova visione, visione che ancora non hanno tanti atleti e appassionati qui da noi.
 

5. Il Calisthenics oltre ad uno sport, cosa rappresenta per te? 

 

Rappresenta un appendice della mia personalità, sembra esagerato ma positivo o meno, si capisce tantissimo della mia personalità da come sono in gara ,o come cerco di coinvolgere gente nuova o vecchia a divertirsi. Insomma il calisthenics rappresenta (come tutti gli sport dovrebbero essere secondo il mio punto di vista)  la valvola di sfogo della propria personalità. I love this game.

6. 5 Esercizi che ogni atleta di Calisthenics dovrebbe inserire ed allenare nei suoi allenamenti.

Approfitto della domanda per dire ALLENATE QUELLE FO**U*E BASI. (Volete comprare una consonante?)
Non abbiate fretta, non basatevi MAI su tizio che ha preso front in un mese (io),  caio che ha preso planche due mesi etc..SIAMO TUTTI DIVERSI. Quindi programmate, allenate, condizionate, potenziate e poi giù di skill avanzate (ho fatto una rima mi sento poeta eoh). Tornando alla domanda se dovessi scegliere 5 esercizi… mmh be non saprei sul serio, é molto per obiettivi e livello atletico.. ma..ALLENATE LE BASI!! 

7. Quali sono e quanto sono importanti a tuo parere le basi? E le basi zavorrate?

Odio immenso per le zavorre ma il mio odio personale ovviamente non mi fa ragionare da ignorante, nella preparazione specifica di potenziamento alcuni miei atleti le usano, ma… ora mi tirero bestemmie, penso che si debba davvero lavorare molto molto molto più sul corpo libero sopratutto nel primo anno, non fissatevi sulle zavorre (l’ho gia detto che le odio si?). Io personalmente non riesco a fare una programmazione adeguata di zavorre per me (mi spazientscono). per l acquisizione  delle mie skill non le ho MAI usate..indubbiamente servono per oap, efesto e movimenti dinamici di forza.


8. Secondo il tuo parare, quando un atleta di Calisthenics è davvero completo?

La completezza é individuale, sto allenando vic una volta preso io mi sentirò completo… forse… no… penso non ci sia mai una completezza ma se parliamo in maniera tecnica:
 
– verticale
– muscle up
– bandiera
– back
– front
– planche
 
Quando l’atleta ha completa consapevolezza della skill, o meglio quando l’atleta riesce a respirare in queste skill senza problemi, per me ha un background rispettabile.

9. Calisthenics e mobilità articolare. Quanto è importante e quanto influisce secondo te?

Lo sento su me stesso il peso dell essere legno,in passato ho avuto una lussazione della spalla destra durante sparring di pugilato, mai curata in modo adeguato e ora la sento e la vedo  la differenza.. una planche press con una spalla legnosa é mooolto più faticosa di una press planche con tanta mobilità, se presso braccio destro compensa bentando (si piega per i neofiti) quindi la mobilita va allenata, È UNA SKILL la mobilita, un’ abilità.

 

 

 

10. Un saluto ed un consiglio ai lettori. Grazie infinite per la tua disponibilità e gentilezza! 

CONSIGLIO PER TUTTI meno fisse paranoie e dubbi su ciò che per voi é o non é calisthenics e più allenamento che vi fa sentire dei calistenici. Divertitevi, ponetevi degli obiettivi e lasciate le negatività fuori dallo sport, lo sport serve anche per abbattere lo stress , non deve diventare veicolo di stress. credeteci e fatelo per diventare forti.. . Io ancora ci sto provando.  Un GRAZIE A VOI <3

Grazie a te Daniele, quì i contatti per seguirlo!
Instagram: 
Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.